Viareggio Cup: testa fredda cuore caldo

Viareggio Cup Alessandro Vianello Calcio Mental Coach CalciatoriLa Viareggio Cup è una togata pazzesca.

Caro calciatore, sfrutta l’occasione e diventa il calciatore che hai sempre sognato con Testa fredda cuore caldo!

Prima di entrare nel merito dell’atteggiamento mentale vincente che ogni giocatore della Primavera dovrebbe avere, diamo un’occhiata veloce alla competizione, intendo date, formula, squadre e storia. Ai partners istituzionali Coni, Fifa, Figc, si affiancano gli sponsor Puma, ICS, NGM, Lottomatica, Buccia di Mela, Fonderia d’Arte Massimo Del Chiaro,  i media RaiSport, TuttoSport, Corriere dello Sport e gli enti patrocinanti Regione Toscana, Provincia di Lucca e Comune di Viareggio. Si è partiti da una competizione inserita all’interno del famosissimo Carnevale di Viareggio e si è arrivati ad un torneo internazionale: la Viareggio Cup.

Nella edizione 68 dell’ormai ex Torneo di Viareggio si sfidano 32 formazioni, 17 italiane e 15 internazionali. Il regolamento della Coppa Carnevale prevede che le migliori 2 squadre degli 8 gironi eliminatori accedano agli ottavi di finale in gara unica ad eliminazione diretta e così di seguito quarti di finale, semifinale e finale.

Questo significa che ogni gara è decisiva e rappresenta un’opportunità per fare tutto il possibile per vincere dando il meglio di se stessi in campo nell’interesse della squadra e in sintonia con il proprio percorso di sviluppo personale, dove i valori come l’impegno, il sacrificio, il cuore caldo e una lucidissima testa fredda fanno la differenza per restare impressi sui taccuini degli addetti ai lavori e nella memoria dei tifosi.

Il 30 marzo 2016, dopo una serie di match emozionanti, un team succederà all’Inter nell’Albo d’Oro della competizione – la Fiorentina è capolista con 8 trofei vinti, mentre Juventus, Milan ed Inter seguono tutte a quota 7.

Va da sé che il calciatore che avrà avuto il merito di giocare il maggior numero d’incontri da protagonista si porterà a casa un tesoro di esperienze a cui attribuire un significato speciale per la realizzazione dei propri sogni nel calcio e nella vita.

L’abitudine a giocare partite decisive non si compra al mercato, si conquista sul campo giocandole.

Ogni match dentro o fuori giocato in più è una manna dal cielo, un preziosissimo mattoncino per costruire la propria casa nel calcio. Una casa le cui fondamenta sono l’attitudine a tirare fuori il meglio di sé quando conta di più, un qualcosa che s’impara con testa fredda e cuore caldo perché il successo è un accumulo di vantaggi. Più gioco più miglioro. Più cresce il livello più cresco.

I calciatori delle squadre Viareggio Cup 2016 – Atalanta, Bologna, Cagliari, Crotone, Empoli, Fiorentina, Genoa, Inter, Juventus, Livorno, Milan, Palermo, Rappresentativa Serie D, Sassuolo, Spezia, Torino, Virtus Entella, A.P.I.A. Leichhardt (Australia), Abuja (Nigeria), Akademija Pandev (Macedonia), Belgrano (Argentina), Bruges (Belgio), Deportivo Camioneros (Argentina), Fc Helsingor (Danimarca), Feyenoord (Olanda), Hearts (Nigeria), L.I.A.C. New York (Stati Uniti), Mounana (Gabon), Pumas (Messico), Rijeka (Croazia), Ujana (Repubblica Democratica del Congo) e White Plains (Stati Uniti) – hanno già un grande vantaggio rispetto a chi guarderà le partite da casa: esserci. Esserci è importante nella vita.

Esserci da protagonista positivo è l’obiettivo.

Anche quest’anno guarderò la Viareggio Cup dal vivo e dalle mie basi operative di Belluno, Sassuolo, Modena, Bologna e Milano (palinsesto tv RaiSport) con il focus sui ragazzi con cui ho l’onore e il piacere di collaborare, ricordandogli che:

1. Il modo migliore di avere un grande futuro e un grande passato è di avere un grande presente, ossia di giocare una spettacolare Viareggio Cup, di stare nel presente della prestazione;

2. Per diventare dei professionisti di serie a, premier league, ligue 1, bundesliga o liga devono modificarsi ancora, devono crescere continuamente, devono avere fame, fame di passare costantemente dal bene al meglio, perché chi non migliora peggiora e nel calcio viene spazzato via;

3. Stato d’animo e convinzioni sono le uniche cose che possiamo controllare, le uniche dove mettere la nostra attenzione e le nostre energie;

4. Lo stato di massima prestazione nell’essere umano coincide con il divertimento;

5. Un calcio mental coach ti aiuta a trasformare sogni in obiettivi ed obiettivi in risultati;

Oggi serve una mentalità nuova! Quando tutto va bene è il momento di crescere ancora, di essere ancora più umile e determinato. Molti cercano un aiuto per ritornare protagonisti, mentre ancora troppo pochi atleti cercano un mental coach per passare dal bene al meglio, per salire ancora, per sviluppare ogni piccolo dettaglio della prestazione con testa fredda e cuore caldo stando bene con se stessi e con gli altri.

Soltanto 1 su 8.000 ce la fa. Questi sono i numeri del calcio.
Ogni ragazzo di settore giovanile ha solo lo 0,0125 % di diventare un calciatore di serie A.

Scegli di essere uno dei pochi: lavora, lavorati e lasciati lavorare.

Il calcio è uno stato d’animo
CHOLO SIMEONE

Scopri il segreto per diventare un grande campione con Testa fredda cuore caldo

Testa fredda cuore caldo libro amazon

Related Post