Come si diventa allenatore leader Nicola

Come si diventa allenatore leader Nicola?

Sappiamo tutti che diventare allenatore è facile, basta seguire un corso allenatori e una volta superato l’esame ti danno il patentino e puoi andare i panchina. Diventare leader, invece, è tutt’altra storia. Essere il capo allenatore ed essere seguito dai giocatori, dai dirigenti, dal presidente e dall’ambiente sono due cose molto diverse. Il potere di ruolo non è mai sufficiente, ti dà solo un certo tempo per dimostrare chi sei, se sei un leader oppure no, se ti seguiranno o se ti manderanno via.

Tutto nasce e tutto finisce nella leadership.
John Maxwell

Non è un caso che nei corso allenatore del settore tecnico della Federazione Italiana Gioco Calcio nelle varie regioni e a Coverciano prenda sempre più spazio la componente della psicologia, della comunicazione e della gestione del gruppo. Essere competenti dal punto di vista tecnico tattico è fondamentale, ma non basta per fare risultati. Il messaggio che la FIGC sta mandando a tutti gli allenatori di 1a categoria UEFA PRO è formati, cresci, impara, scambia, mettiti in gioco, investi costantemente su di te come professionista e come Uomo: diventa leader!

Come si diventa allenatore leader Nicola Davide Alessandro Vianello Mental Coach Spin Leader

La storia di Davide Nicola è dedicata a tutti coloro che pensano che la persona venga prima di tutto e che solo creando un senso di appartenenza si possano superare certi limiti e scrivere pagine meravigliose.

Siamo partiti da inadeguati, stolti, sciocchi e siamo arrivati a giocarci la salvezza all’ultima partita.

Il girone d’andata del campionato di serie A 2016-2017 si chiude per il Crotone a 9 punti in 19 partite. Un disastro.

Ma noi vedevamo qualcosa che poi si è avverato.

Un finale di stagione straordinario, una favola con il lieto fine.

Una promessa da mantenere, in bici da Crotone a Torino.

Un’esperienza che ha arricchito tutti noi.

Un giro in bici che si è subito trasformato in un messaggio.

Davide Nicola ha perso suo figlio Alessandro di 14 anni mentre tornava a casa in bici, investito da un bus. Un dolore che nessuna parola può raccontare. Si può solo avere il rispetto e l’ammirazione per il padre, per tutto quanto è riuscito a fare con se stesso, per la serenità che ha saputo conquistarsi, per l’esempio che ha saputo essere.

Precedenza alla vita, sempre.

Ecco il messaggio, con il patrocinio dell’Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada e della Federazione Italiana Amici della Bicicletta. Durante il viaggio tanti amici, 10 tappe, 1350 km per rendere omaggio a Scarponi, Hayden e tutti coloro che hanno perso la vita sulla strada.

Il messaggio è il tempo.

Basta con la fretta, diamoci il tempo! Arriviamo qualche minuto dopo, ma prestiamo attenzione, diamo la precedenza alla vita, preghiamo sempre che tutto vada bene, che tutti arrivino a casa. Basta guardare il cellulare alla guida!

Basta con la fretta, diamoci il tempo per conoscerci.

Lo stesso tempo che è indispensabile dare agli altri per costruire una relazione sana, per capire i propri giocatori e l’ambiente in cui lavoriamo e viviamo. Non è un caso che Mister Davide Nicola abbia nel suo staff tecnici, tattici, preparatori fisici e anche professionisti che lo aiutano a capire i propri giocatori e a relazionarsi nel modo migliore con loro.

Leadership is relationship

Un leader non costruisce il proprio staff per bisogno, ma per visione, determinazione, ambizione e cultura del dettaglio.

Un capo allenatore sceglie prima l’Uomo e poi il professionista.

Nel suo ambito specifico il professionista deve saper stare dentro uno staff ed avere competenze eccellenti, migliori del boss. Un vero leader si mette attorno persone più brave di lui, ispirandole e guidandole al risultato desiderato.

Quella di Davide Nicola è una storia semplice.

Allenare è una magnifica ossessione, ma prima di tutto c’è la mia famiglia. 

Questa è la storia di un Mister che ha ben chiaro cosa viene prima e cosa viene dopo.

Non puoi essere un vincente nel lavoro se sei un fallito tra le mura di casa.

Nicola vede prima la persona e poi il calciatore.

Con una sensibilità ed una determinazione straordinarie ha saputo tenere tutti lì, proprio quando sembrava tutto perso. Ecco la grandezza di un leader e del suo messaggio

Mai smettere di inseguire i propri sogni!

Mai smettere di pensare in grande, mai.

Coraggio, ambizione, lealtà nei rapporti.

Chi riesce a perseverare nel tempo, prima o dopo raggiunge le cose.

Come si diventa allenatore leader Nicola?
Vivendo, ascoltando, imparando e costruendo un senso di appartenenza.

Io divento tifoso di tutte le squadre in cui ho giocato e che alleno perché se non crei un senso di appartenenza poi diventa difficile avere un’unione che ti porta a superare certi limiti.
Davide Nicola

Grazie Mister, tanta roba.

Vuoi avere più tempo ed energie per quello in cui fai la differenza?
Vuoi essere un allenatore e un leader sempre più grande?
Clicca niente da insegnare, tutto da moltiplicare

Related Post

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *